Stampa

SOLDATI 70 ANNI FA

Il 30 ottobre alle ore 16,00 nel Museo del Carcere si inaugura una nuova area espositiva e la mostra “Soldati 70 anni fa” che rimarrà aperta fino al 10 novembre.
Promossa dal “Consiglio piemontese delle Associazioni d’Arma” (Assoarma Piemonte) e dall’Associazione “Nessun uomo è un’isola” in collaborazione con l’Istituto Studi, Ricerche e Informazioni Difesa (ISTRID) per affiancare e sostenere la Giornata delle Forze Armate, la mostra si propone di aprire gratuitamente le porte e una parte del carcere a quanti vorranno respirare l’atmosfera emozionale tra le mura che furono testimoni delle tragedie umane e sociali di tanti Soldati, Partigiani, Deportati ed Ebrei nel periodo 1943-45. La mostra è allestita all’ingresso del Giardino del silenzio, voluto fortemente dall’energico cappellano del carcere padre Ruggero Cipolla per offrire ai carcerati, soprattutto quelli condannati a lunghe pene detentive, uno spazio di riflessione e di preparazione professionale per il reinserimento socio-lavorativo. Sarà l’occasione di rivedere mezzi e armi d’epoca, la jeep Willis che fu il simbolo dell’avanzata alleata, la storica motocicletta tedesca KS 750 Zundapp con sidecar e mitragliatrice e la nostra classica Fiat 508 ancora una volta contrapposte a rievocare le immagini che hanno segnato l’Italia di settant’anni fa. Subito dopo l’inaugurazione, all’interno del famigerato braccio tedesco, tra le celle che ospitano la mostra sugli Internati Militari Italiani, che continua ad attrarre scolaresche, familiari dei Reduci e visitatori, la presentazione dell’anteprima del libro ”600.000 no. La Resistenza degli Internati Militari Italiani”, a cura dell’Associazione ex Internati Italiani e dell’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza.

INAUGURAZIONE Mercoledì 30 ottobre 2013 ore 16,00

La mostra rimarrà aperta eccezionalmente e gratuitamente tutti i giorni
dal 31 ottobre al 10 novembre
Feriali: dalle ore 10,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,00
Festivi: dalle 15,00 alle 18,00.