itenfrdees

MUSICA D’EVASIONE A LE NUOVE - SERATA DI BLUES E SOLIDARIETA′

Imparare un mestiere per emanciparsi dalla schiavitù sessuale. Questo il progetto benefico che vede impegnate tre ONLUS per una raccolta fondi.



Presentata e condotta da Antonio De Salvia, la “Serata di blues e solidarietà”, che si svolgerà il prossimo 28 maggio, alle 20.30, presso il l’ex carcere “Le Nuove”, in via Paolo Borsellino 3, a Torino, è stata organizzata da l’Associazione Nessun uomo è un’isola, l’Università del Perdono e l’Associazione Sant’Andrea, insieme per sostenere il Groupe Espoir – R.D. Congo.

Da oltre vent’anni la guerra civile insanguina la Repubblica Democratica del Congo e durante i continui scontri tra le diverse fazioni militari, donne e ragazze – alcune ancora bambine o preadolescenti- diventano preda dei soldati. Vengono violentate, torturate, mutilate e, talvolta, brutalmente uccise. Le vittime che sopravvivono restano abbandonate a loro stesse, non sono difese dallo Stato e vengono emarginate dalle comunità e dalle famiglie perché portatrici della “colpa” dello stupro subito. “Attraverso la realizzazione del nostro progetto – spiega Marie Jeanne Balagizi Sifa, fondatrice di Groupe Espoir – vogliamo mettere le ragazze in condizione di poter partecipare a corsi di formazione professionale, provvedendo a fornire loro i beni di prima necessità, e cioè il cibo, le medicine, i vestiti, la macchina per cucire, come strumento di lavoro e, quindi, di emancipazione”.

Per ora il progetto può sostenere solamente 21 ragazze del territorio di Walungu, - zona est dello stato centrafricano-, con età compresa tra i 14 e i 20 anni che sono riuscite a sottrarsi alla schiavitù sessuale, ma l’obiettivo preventivato e dichiarato è quello di incrementarne il numero. 
“Dare la possibilità a queste giovani donne di imparare un lavoro – conclude Marie Jeanne – vuol dire aiu-tarle concretamente a crearsi un futuro per sé e per i loro figli, generati in conseguenza dello stupro subito”.

La serata si svolgerà con il concerto del gruppo musicale torinese Folsom Brothers, da oltre 10 anni impe-gnato a riscoprire e a riproporre in Piemonte i brani della musica blues tradizionale, attraverso la realizza-zione di spettacoli teatrali, che vedono unire l′esibizione musicale dal vivo all′utilizzo di filmati originali e l’impiego di strumenti della tradizione americana.

Durante il concerto ci sarà spazio per la presentazione nel dettaglio del progetto Groupe Espoir – R.D. Con-go, accompagnato dalle riflessioni di Gianfranco Testa, fondatore e promotore dell’Università del Perdono, il cui intento è quello di “sollecitare l’attenzione e far recepire la proposta per conoscere e sperimentare l’utilità della pratica del Perdono come capacità personale e risorsa umana disponibile per tutti da rivolgere a se stessi per prendersi cura e migliorare la relazione con se stessi e con gli altri, anche dopo essere stati vittime di offese e ferite fisiche, psicologiche e morali”.

QUANDO: 28 maggio, alle 20.30

Informazioni aggiuntive

  • Il: Sabato, 28 Maggio 2016
Vai all'inizio della pagina